Wednesday, 15 December 2021 00:00

Il supporto a Windows 10 2004 termina oggi

 

In data odierna, Microsoft ha cessato il supporto alla versione 2004 di Windows 10, pertanto chiunque impieghi ancora questo sistema sul proprio PC, dovrebbe aggiornare ad una versione successiva.

 

E' possibile controllare la versione del sistema impiegato da:

 

Impostazioni > Sistema > Informazioni, quindi scorrere fino a "Specifiche Windows".

 

In caso il PC impieghi la versione 2004 o precedente, è possibile procedere all'aggiornamento attraverso Windows Update:

 

Impostazioni > Sistema > Aggiornamento e sicurezza e procedere con gli aggiornamenti disponibili.

 

Attenzione: non è necessario e nemmeno obbligatorio aggiornare a Windows 11, anzi in alcuni casi potrebbe essere anche dannoso,  pertanto è sufficiente procedere con gli aggiornamenti di Windows 10 per avere un PC con tutti gli aggiornamenti di sicurezza.

 

Tuesday, 05 October 2021 00:00

Windows 11: requisiti e installazione.

I requisiti minimi hardware richiesti e come ottenere in download l'aggiornamento gratuito al nuovo sistema operativo Windows 11.

Il nuovo sistema operativo Microsoft Windows 11 al suo debutto ufficiale!  Sara' necessario possedere un PC o dispositivo con specifiche tecniche in grado di soddisfare i requisiti minimi richiesti. 

 

Windows 11: requisiti e download

In più occasioni, Microsoft ha ribadito che alcuni requisiti minimi sono stati fissati in modo da garantire alla piattaforma un livello adeguato di affidabilità, sicurezza e compatibilità, non rischiando dunque che l'esperienza utente possa essere inficiata o compromessa da hardware datati o potenzialmente vulnerabili. Di seguito l'elenco dei requisiti di sistema, per ulteriori dettagli rimandiamo alle pagine del sito ufficiale.

Processore: almeno 1 GHz  con due o più core su un processore a 64-bit compatibile o System-on-a-Chip (consulta la lista delle CPU approvate);

RAM: almeno 4 GB; archiviazione: almeno 64 GB; firmware: UEFI compatibile con Avvio Protetto (consulta l'approfondimento sulla configurazione);

Trusted Platform Module: versione 2.0 (consulta le istruzioni su come abilitarlo); scheda video: compatibile con DirectX 12 o versione successiva con driver WDDM 2.0;

schermo: ad alta definizione (720p) con una diagonale superiore a 9 pollici, 8-bit per canale di colore; connessione Internet: accesso alla Rete e account Microsoft necessari per la configurazione della versione Home.

 

Il modo più rapido per sapere se il proprio computer è pronto ad accogliere Windows 11 è costituito dallo strumento Controllo Integrità PC, rilasciato direttamente da Microsoft: non bisogna far altro che lanciarlo, premere il pulsante “Controlla ora” e attendere pochi istanti. Se il messaggio restituito è " Questo PC soddisfa i requisiti di Windows 11" è tutto in regola per l'aggiornamento. In caso contrario, vengono mostrati dettagli in merito alle specifiche tecniche non conformi ai requisiti minimi.

 

Una volta certi che il proprio dispositivo abbia tutte le carte in regola per ricevere l'aggiornamento gratuito a Windows 11 il nuovo sistema operativo verrà distribuito direttamente attraverso Windows Update, proprio come avviene con i pacchetti continuamente rilasciati dalla software house. L'operazione potrebbe richiedere un tempo piuttosto lungo.

Molto probabilmente, infatti, il download e l'installazione di Windows 11 richiederanno più tempo di un tipico aggiornamento delle funzionalità di Windows 10.

Anche in caso di esito positivo del check sui requisiti minimi, il passaggio a Windows 11 potrebbe non essere disponibile fin da subito. In altre parole, in una prima fase prenderà ufficialmente il rollout, ed il suo completamento è previsto solo entro la prima parte del 2022. Si tratterà dunque di una distribuzione graduale, un'opzione scelta da Microsoft per assicurarsi che tutto vada per il verso giusto, evitando di dover poi fare i conti con l'insorgere di problemi dalla portata troppo estesa.

 

Nota Bene:

Dopo aver installato l'aggiornamento a Windows 11, per un periodo di 10 giorni si potra' tornare al precedente Windows 10, conservando i file e i dati. Trascorsi 10 giorni, per tornare a Windows 10 sara' necessario eseguire un backup dei dati per effettuare una installazione pulita.

 

Tuesday, 25 May 2021 00:00

Aggiornamento iOS 14.6 e Big Sur 11.4

Apple ha rilasciato aggiornamento a iOS 14.6 e iPadOS 14.6

L'update include il supporto per gli abbonamenti nell’app Podcast e risoluzioni di problemi per iPhone.

 

Questa versione risolve anche i seguenti problemi:

Lo sblocco tramite Apple Watch poteva non funzionare dopo aver utilizzato “Blocca iPhone” su Apple Watch.

I promemoria potevano apparire come righe vuote.

Le estensioni per il blocco delle chiamate potevano non apparire in Impostazioni.

I dispositivi Bluetooth a volte potevano disconnettersi o inviare l’audio a un altro dispositivo durante una chiamata in corso.

iPhone poteva presentare prestazioni ridotte durante l’avvio. 

 

 

Apple ha rilasciato l’aggiornamento a macOS Big Sur 11.4, settimo update di ‌macOS 11 sistema operativo presentato a novembre.

Arriva a soli 20 giorni dal rilascio dell’aggiornamento precedente (build 20E241) versione che integra soluzioni a diversi bug.

Nelle note di rilascio di macOS 11.4, Apple indica – per i Mac con CPU Intel – il supporto per GPU AMD con architettura Navi RDNA2 (6800, 6800XT e 6900XT), utilizzabili come schede video esterne in box Thunderbolt 3 (eGPU).

Il supporto per GPU con architettura Navi RDNA2 dovrebbe offrire migliorie in termini di performance. Sui Mac con CPU Intel è possibile sfruttare varie GPU esterne; una eGPU può essere utile per aumentare le prestazioni grafiche del Mac con app professionali, giochi in 3D, creazione di contenuti VR e altro ancora, accelerando le app Metal, OpenGL e OpenCL.

Ricordiamo che i Mac con CPU Apple Silicon non supportano – almeno per il momento – GPU esterne via Thunderbolt.

Altra novità è il supporto per l’audio spaziale e formati Lossless Audio in Apple Music.

Apple consiglia di aggiornare macOS prima possibile.

E'possibile scaricare l’aggiornamento a macOS Big Sur‌ 11.4 dalla sezione Aggiornamento Software delle Preferenze di Sistema.

 


Torna alle NEWS

Apple ha rilasciato aggiornamento a iOS 14.5.1 e iPadOS 14.5.1.

A pochi giorni dal rilascio dell'ultimissima versione del sistema operativo iOS e iPadOS , Apple ha rilasciato l’aggiornamento a iOS 14.5.1 e/iPadOS 14.5.1.

L'update integra “risouzioni di problemi e fornisce importanti aggiornamenti alla sicurezza”. Nelle note di rilascio, si legge che questo aggiornamento risolve un problema relativo alla trasparenza del tracciamento da parte delle app per il quale alcuni utenti che avevano precedentemente disattivato “Richiesta tracciamento attività” in Impostazioni potevano non ricevere le richieste dalle app dopo aver riabilitato l’opzione. L’aggiornamento fornisce anche importanti miglioramenti alla sicurezza ed è consigliato a tutti gli utenti.

 

Rilasciato aggiornamento a macOS Big Sur 11.3.1 con fix per la sicurezza.

A pochi giorni dal rilascio della versione definitiva di macOS 11.3, Apple ha rilasciato l’update a macOS Big Sur 11.3.1, aggiornamento che integra importanti fix relativi alla sicurezza. In un documento con dettagli sulle vulnerabilità risolte, Apple spiega che l’aggiornamento risolve un problema di corruzione della memoria e di overflow di numeri interi (Integer overflow), un problema che si verifica quando un’operazione aritmetica tenta di creare un valore numerico al di fuori dell’intervallo che può essere rappresentato con un determinato numero di cifre. Apple consiglia di aggiornare macOS prima possibile. Come sempre è possibile eseguire l’aggiornamento dalla sezione “Aggiornamento Software” delle Preferenze di Sistema. 

 


Torna alle NEWS

Disponibili iOS e iPadOS 14.5 con importante fix per la sicurezza.

iOS 14.5 e iPadOS 14.5 sono disponibili al pubblico. Questo aggiornamento è indispensabile soprattutto per chi utilizza AirTag perché ne permette il funzionamento, ma come tutti gli aggiornamenti di sistema è consigliato per tutti i dispositivi che lo supportano perché, oltre a introdurre nuove funzioni, va a correggere tutti quei bug e quelle falle di sistema che potrebbero comprometterne la sicurezza.

Tra le novità più importanti c’è la possibilità di utilizzare un Apple Watch come sistema di autenticazione secondario per Face ID e l’abilitazione della funzione di trasparenza sul tracciamento delle applicazioni, oltre a diverse novità per Siri, Mappe, News e l’app Podcast.

 

Disponibile aggiornamento a macOS Big Sur 11.3.

Apple ha rilasciato l’aggiornamento a macOS Big Sur 11.3, integra il supporto per AirTag, risolve un problema con i monitor 4K e altri bug.

Integra non solo alcune nuove funzionalità ma anche aggiornamenti relativi alla sicurezza.

I dispositivi Apple basati su sistema operativo macOS sono stati, a quanto pare, a lungo esposti ad una grave vulnerabilità ora risolta con l’aggiornamento macOS Big Sur 11.3. Il problema è stato reso pubblico negli ultimi giorni, precisando tutto quanto ha preceduto l’update di sicurezza rilasciato. La scoperta è firmata dal ricercatore Cedric Owens.

Il bug di macOS

Un errore nella routine, consentiva a specifici file di bypassare tutti i controlli fino ad arrivare alla libera esecuzione senza problema alcuno.

La scoperta di Cedric Owens è relativa a file appositamente sviluppati in grado di aggirare in qualche modo i controlli insiti nel sistema di sicurezza di macOS, fino a portare all’esecuzione di codice arbitrario. Un file opportunamente confezionato avrebbe potuto fare di macOS ciò che avrebbe voluto, fino al controllo pressoché completo di applicazioni e dati. 

La segnalazione ha consentito ad Apple di approfondire il problema fino a giungere ad una spiegazione. Non si sarebbe trattato di un vero e proprio bug in termini di codifica, ma di una sorta di vulnerabilità logica nella programmazione. Si sarebbero verificati tentativi di exploit risalenti a pochi mesi fa, ma la sensazione è che il problema non sia mai effettivamente deflagrato, o almeno non se ne segnalano casi ulteriori. Con l’aggiornamento del sistema operativo il bug è risolto e mette completamente al riparo il sistema da eventuali attacchi di questo tipo, nei quali sarebbe potuto bastare un click improvvido per mettere in grave pericolo il proprio Mac.

 

Disponibile inoltre watchOS 7.4: introdotta la funzionalita' per iPhone X e modelli successivi per sbloccare iPhone utilizzando Face ID e indossando comunque la mascherina.


Torna alle NEWS

Wednesday, 21 April 2021 00:00

Apple: Spring Loaded

 

Wednesday, 21 April 2021 00:00

Apple rivoluziona l’iMac !

Spring Loaded

I nuovi iMac 24"

 

Wednesday, 21 April 2021 00:00

iPad Pro 2021, tutte le novità.

Altra grande novita' presentata durante l'evento Spring Loaded: il nuovo iPad Pro 2021. 

iPad pro 2021 si distingue dl modello precedente solo per la componentistica hardware interna. Esternamente i due modelli sono sostanzialmente del tutto simili. La prima e più importante delle novità è nel processore, Apple ha messo in iPad Pro 2021 un processore M1.

Si tratta di GPU e CPU a 8 core che arrivano fino a 16 GB di RAM (negli iPad 12,9 da 1 Tb e 2 TB) è del 50% più veloce dell’Az12 Bionic e del 40% più veloce nel calcolo grafico. È presente anche un processore immagine avanzato, un’architettura di memoria più veloce e un disco interno che ha una velocità di due volte il precedente. Apple ha fatto un enorme sforzo in fatto di gestione della batteria per riuscire a ricavare la stessa autonomia del modello presente (10 ore). Il nuovo display Mini LED del modello da 12,9 pollici: iPad Pro 12,9″ 2021 è il primo prodotto con Mini LED. E' uno schermo LCD basato su LED piccolissimi (uno per pixel) capaci di offrire elevati contrasto e luminosità, neri intensi, consumi ridotti, pochi rischi di burn-in e di degrado dell’immagine, tipici degli OLED. Uno schermo Mini LED è anche più luminoso (fino a 30 volte) rispetto ad uno schermo OLED.

Lo schermo che viene denominato Liquid Retina XDR e' in grado di garantire la stessa qualità del Pro Display XDR. È costruito intorno a  10mila led raggruppati in 2500 zone. Si tratta di elementi di 120 volte più piccoli dei precedenti. I vantaggi in termini di prestazioni vengono definite “impareggiate”: un massimo di 1000 nits con un picco di 1600 nits e un contrasto di 1:1.000.000. Si tratta di una componente che varie categorie di professionisti come fotografi e video makers apprezzeranno grazie al fatto che saranno in grado di editare immagini estremamente naturali in HDR in ogni luogo. 

Apple ha dato ad iPad Pro 2021 il supporto al 5G.  Si tratta del primo tablet della gamma Apple a supportare tale connettività e del secondo dispositivo, dopo iPhone 12, ad avere la quinta generazione di questi sistema di connettività. 

Novità riguardando anche la fotocamera frontale con sensore e lente Ultra Wide da 12MP con angolo di visione di 122 gradi nate per FaceTime e per altri programmi di comunicazione. Center Stage è una nuova funzione per le riprese video che attraverso il machine learning comprende dove vi trovate e via segue come se stesse facendo una carrellata, in maniera tale da tenervi sempre al centro del schermo. Quando qualcuno si unisce alla chiamata l’angolo di visione si amplia; se lascia viene automaticamente zoomata la persona che resta in azione. Infine grazie al nuovo processore immagine con Smart HDR 3, per la prima volta su iPad, in condizioni di luce scarsa il LiDar permette una migliore messa a fuoco.

Presente una porta Thunderbolt al posto della USB-C standard precedente. Nonostante fisicamente la porta sia identica (quindi sarebbe possibile collegare tutto del che si collega oggi ad un iPad Pro), quel che cambia nell’iPad Pro 2021 è la velocità di 4 volte superiore, fino a 40Gbps. Thunderbolt supporta anche Ethernet a 10Gbps e il Pro Display XDR a risoluzione 6K.

Gli ordini di iPad Pro cominceranno il 30 aprile ma la disponibilità è fissata per metà maggio. Saranno disponibili nei colori argento e grigio siderale in configurazioni di 128GB, 256GB, 512GB, 1TB e per la prima volta anche a 2TB.

 

Wednesday, 21 April 2021 00:00

Apple ha svelato AirTag !

Si tratta di un piccolo tag rotondo per trovare gli oggetti smarriti, come un mazzo di chiavi.  Personalizzabile, con accessori diventa un portachiave, e con il Precision Finding è in grado di dirvi esattamente dove andare, e quanto vicino si trova l’oggetto, guidandovi passo passo fino al ritrovamento dell’oggetto. Ovviamente non rinuncia alla Privacy,  nessuno conosce la posizione del soggetto e-o dell’oggetto, neppure Apple. Non mancheranno gli avvisi sonori, per far “squillare” il tag. Utilizza il chip di prossimità U1 per il corretto funzionamento.

 

 

Spring Loaded

Durante l'evento intitolato Spring Loaded  Apple rivoluziona l’iMac.

L’evento Apple non ha deluso le aspettative della vigilia.

 

I nuovi Mac con Apple M1: performance e design

Verde, blu, arancio, rosso o un più classico argento. Ognuno scelga il suo stile preferito. Dal punto di vista del design, gli ingegneri di Cupertino si sono concentrati sul ridurre non solo lo spessore dello schermo, ma anche i bordi che circondano il pannello. Tra le altre novità dal punto di vista hardware citiamo la videocamera FaceTime 1080p con sistema avanzato per l’ottimizzazione delle immagini, a cui si affiancano miglioramenti sul fronte dei microfoni (con una precisa cancellazione del rumore) e degli altoparlanti. Nel pannello posteriore sono presenti quattro porte USB-C, due delle quali con supporto alla tecnologia Thunderbolt. La piattaforma software è ovviamente macOS, con pieno supporto a tutte le funzionalità più avanzate della release Big Sur.

Ovviamente è costruito attorno al nuovo chip M1. Occupa meno spazio, grazie ad uno spessore ridottissimo. Lo schermo è da 24 pollici, con cornici ridotte rispetto all’attuale modello. Si tratta di una unità da 11.3 milioni di pixel, con risoluzione 4,5K Retina display, in grado di cambiare la temperatura di colore a seconda della luce ambientale.

Disponibile in sette differenti colori, rivoluzione camera e altoparlanti. La FaceTime HD camera, è da 1080p, è in grado di analizzare ogni pixel, di bilanciare automaticamente il bianco, di mettere a fuoco, di ridurre il rumore, e altro ancora. Anche l’audio migliora, con un audio più coinvolgente, con bassi più profondi. Ha una CPU più veloce dell’85% rispetto al passato. Per quanto concerne la grafica, Apple ritiene che sia due volte più veloce rispetto ai modelli precedenti. L’alimentatore è davvero più piccolo, e integra una porta Ethernet, mentre il cavo che si connette al retrò del monitor è magnetico.

La nuova tastiera ha tasti dedicati alle Emoji, oltre ad avere il Touch ID. Ancora, il nuovo Magic Mouse e il nuovo Magic Trackpad riprendono i colori del Mac e risultano secondo Apple più versatili.

 

Le configurazioni per il modello con schermo 24" :

iMac 2021 con Apple M1 (CPU 8-core e GPU 7-core), 8 GB di RAM, SSD da 256 GB, due porte Thunderbolt, Magic Keyboard e Magic Mouse da Euro 1.499,00 nelle colorazioni verde, rosa, blu e argento;

iMac 2021 con Apple M1 (CPU 8-core e GPU 8-core), 8 GB di RAM, SSD da 256 GB, due porte Thunderbolt, tre porte USB aggiuntive, Magic Keyboard e Magic Mouse da Euro 1.719,00 nelle colorazioni verde, giallo, arancio, rosa, blu, viola e argento.

La fase di pre-ordine prenderà il via il 30 aprile, la disponibilita' è prevista per la seconda metà di maggio.

 

Altre novita' ed aggiornamenti riguardano Apple TV 4K,  con nuovo processore A12 Bionic e nuovo telecomando Touch completamente rivisitato sia nel design che nei controlli.

iPhone 12, ora disponibile anche in una nuova colorazione, purple.

Una novità che riguarda per ora esclusivamente gli Stati Uniti è il conto famiglia per Apple Card. Permette alle famiglie che usano questa carta di avere un conto totale: Apple Card Family. 

In collaborazione con con Goldman Sacks e un’azienda ambientale hanno dato vita ad un fondo per finanziare progetti che permettano di togliere un milone di tonnellate di CO2 ogni anno. 

 

iPhone viola, podcast a pagamento e Apple Card Family, ma non solo:

«Abbiamo lanciato i podcast 15 anni fa, cominciando con 3.000 show: adesso ce ne sono milioni». Tim Cook ha inaugurato l’evento del 20 aprile cominciando dal basso, con annunci che potremmo definire “minori” rispetto a quel che ci si attende da questa occasione. I podcast sono tra queste: l’azienda si appresta a lanciare il servizio podcast a pagamento partendo da un restyling dell’interfaccia della propria app, che ora offre delle pagine dedicate ai singoli episodi, raccomandazioni per quelli da seguire in base ai propri gusti e per l’appunto un canale preferenziale a pagamento che permette di arrivare prima sui contenuti. Si parte bene, offrendolo già in 106 regioni del mondo.