Giovedì, 22 Novembre 2018 00:00

Apple nuovo Mac mini 2018

Il Mac mini 2018, da poco rilasciato con processori Intel Core i3, i5 o i7 di ultima generazione, è una macchina che si rivolge ad un target diverso rispetto ai modelli che lo hanno preceduto.

Compatto, versatile, silenzioso e decisamente capace di ottime prestazioni, e' stato quasi completamente riprogettato e sembra voler ora strizzare l’occhio non solo agli utenti alla ricerca di una macchina compatta tuttofare ma anche ai professionisti, agli sviluppatori, a chi necessita soluzioni per creare build farm o render farm.

Mac mini 2018 integra processori desktop di ottava generazione 6‑core e quad‑core, supporta fino a 64GB di memoria RAM (DDR4 2666MHz) e in fase di ordine è possibile scegliere unità di storage fino a 2TB. Sul retro sono presenti quattro porte Thunderbolt 3 (attacco USB Type-C), una porta HDMI 2.0, una porta Ethernet Gb (in fase di ordine è possibile selezionare l’opzione 10Gb Ethernet), jack da 3,5mm per cuffia. Sono supportate connessioni Wi‑Fi 802.11ac (compatibile con IEEE 802.11a/b/g/n) e la tecnologia wireless Bluetooth 5.0.

Il chip T2 integrato si occupa – tra le altre cose – dell’avvio sicuro e della cifratura con chiavi a 256 bit dell’unità di storage con un algoritmo AES accelerato grazie all’hardware integrato nel chip.

Rimane la possibilita' ovviamente di attivare FileVault dalle Preferenze di Sistema. 

E' possibile collegare simultaneamente fino a tre monitor collegati alle porte Thunderbolt 3 e HDMI 2.0 (varie sono le possibilita').

L’uscita video digitale è la DisplayPort nativa via USB‑C e sono supportate le uscite Thunderbolt 2, DVI e VGA tramite adattatori venduti separatamente.

La memoria RAM è accessibile (sono presenti due slot) e si può sostituire/espandere, mentre per l’unità di storage interna, saldata direttamente on board sulla scheda logica, non e'consentito.

Il nuovo Mac mini sfrutta memoria DDR4 SO-DIMM a 2666MHz. In fase di ordine è possibile configurare la macchina con 16GB, 32GB o 64GB di memoria RAM e con unità SSD da 256GB, 512GB, 1TB o 2TB.

Sul retro del Mac mini sono presenti quattro porte Thunderbolt 3 (attacco USB Type-C) alle quali è possibile collegare veloci unità di storage esterne, GPU esterne, monitor DisplayPort, unità USB 3.1. Non mancano due tradizionali porte USB 3.0, una porta HDMI 2.0 con supporto per uscita audio, rete Ethernet, jack audio da 3,5 mm.

Integra di serie una porta Gigabit Ethernet 10/100/1000BASE-T (1 Gbps) con connettore RJ-45 gestita da un controller Broadcom; in fase di ordine è possibile scegliere l’opzione Gigabit Ethernet RJ-45, che funziona alle velocità standard NBASE-T di 1 Gbps, 2,5 Gbps, 5 Gbps e 10 Gbps, beneficiando della larghezza di banda offerta dalle infrastrutture di rete 10GbE, tipiche soluzioni dove si lavora con file di grandi dimensioni e/o con ingenti volumi di dati (avendo NAS, switch e/o server adeguati), è possibile ridurre i tempi di trasferimento dei dati di circa il 66%, consentendo di ridurre tempistiche di attesa ed aumentare invece la produttività.